Diventa un trader di successo con il metodo delle banche d’affari: Guarda il video Gratis!

L’alternativa vincente (e legale) al trading automatico per non passare lunghe ore davanti al PC si chiama Samas

Tempo di lettura: 6 min

A cura del Dott. Antonio Carnevale

Laureato in Scienze Economiche e Bancarie presso l’università di Siena, dopo aver lavorato come Head of Trading per una nota banca d’affari europea, oggi è docente primario di Samas.
Con oltre 35 anni di esperienza nei mercati finanziari insegna agli investitori indipendenti il metodo di trading usato dalle grandi banche d’affari.

Segui con interesse i trend e l’evoluzione del mondo del trading?

Allora sono quasi certo che hai già sentito parlare di trading automatico. 

Magari ti stai domandando da tempo se è una reale opportunità oppure una spudorata menzogna, senza aver trovato ancora una risposta che ti convince.

Del resto chi non esiterebbe…conteso tra l’irresistibile seduzione del “guadagnare senza far niente” e lo scetticismo che una promessa del genere suscita?

In questo articolo voglio chiarire la questione dal mio punto di vista e cercare di aiutarti a prendere posizione.

Qualora non lo trovassi del tutto esauriente, ho registrato anche una video lezione per approfondire il mio punto di vista a riguardo.




Accedi al Corso Gratuito


Accedi al Corso Gratuito

Mi chiamo Antonio Carnevale, ho 57 anni e mi occupo di trading dai tempi in cui studiavo scienze bancarie all’università di Siena.

A quei tempi Internet era poco più di una idea.

L’era dell’informazione diffusa e della connessione globale era soltanto agli albori.

Mi sono “fatto le ossa” in tempi dove le risorse a disposizione erano decisamente più limitate e meno accessibili di oggi.

Non per questo sono uno di quei nostalgici e reazionari che snobbano il progresso tecnologico.

Al contrario ho seguito le evoluzioni del settore in cui opero con estremo interesse, cercando di valutare in modo critico ogni nuovo strumento.

Lo stesso ho fatto con l’auto-trading, sia che si trattasse di sistemi meccanici, automatici, algoritmici, binari o veri e propri robot come nel Forex.

Devo ammettere, però, che mentre scrivo non riesco a fare a meno di pensare al famoso passaggio del Gatto e la Volpe:

Fai in questo campo una piccola buca e ci metti dentro uno zecchino d’oro. Poi ricopri la buca con un po’ di terra: l’annaffi…e la sera te ne vai tranquillamente a letto. Intanto, durante la notte, lo zecchino germoglia e fiorisce, e la mattina dopo…trovi un bell’albero carico di tanti zecchini d’oro.

Con questo non intendo saltare alla facile conclusione che questi sistemi non funzionano.

Dico soltanto che non funzionano come promettono di fare.

Non è forse strano che in oltre 30 anni di carriera non ho mai conosciuto nessuno che ha fatto “zecchini d’oro” con il trading automatico?

Ad ogni modo, entriamo più nel vivo della questione e vediamo perché i sistemi di trading automatico non sono la scelta migliore e quale dovrebbe essere quella giusta per:

  • massimizzare il profitto dai tuoi investimenti nel trading
  • non trascorrere innumerevoli ore davanti al PC
  • non sprecare preziose ore di sonno, anche se operi in mercati che si “svegliano” quando qui da noi è notte fonda
  • fare trading consapevole senza prendere una laurea in economia finanziaria


Accedi al Corso Gratuito


Accedi al Corso Gratuito

Trading systems, bots e segnali di trading: perché non sono sistemi affidabili


Tra le diverse soluzioni di questo genere che vengono proposte più comunemente sono 3 quelle principali: 

  • i trading systems, ovvero sistemi basati sulla sola analisi tecnica
  • i bots, vale a dire software, basati su algoritmi, che svolgono autonomamente le operazioni sui mercati
  • i segnali di trading, ossia indicazioni di comportamento sui mercati finanziari da fonti di dubbio accreditamento

Il trader neofita tende ad affidarsi a queste soluzioni in modo progressivo, in particolare se le prime operazioni sono in profitto, non importa di quanto.

Presto si illude della loro infallibilità.

Si sente superiore al mercato e agisce in modo irrazionale, aumentando oltremisura la sua posizione di rischio.

Accecato dalla promessa di facili guadagni, non sospetta del fatto che dietro a tali sistemi automatici si nascondano altri interessi. 

Nessuno di questi strumenti, infatti, può dare risultati certi nel lungo periodo, come del resto non li può garantire nemmeno un investitore di fama e successo come Warren Buffet.

Chi propone questi servizi non specula soltanto sul noleggio degli utenti, ma spesso ha accordi con i brokers di intermediazione e guadagna una percentuale sulle operazioni svolte.

Ecco il motivo per cui incentivano a fare quante più operazioni possibile.

Ma perché non si può automatizzare (al 100%) l’attività sui mercati finanziari?


Scoprilo nel Corso Gratuito


Scoprilo nel Corso Gratuito

Nel trading si è portati a pensare che tutto possa essere automatizzato.

Si crede, o meglio si vuole far credere, che il mercato sia razionale (1+1 fa 2, 2+2 fa 4, ecc.) e che, quindi, esista un metodo scientifico per portarti a a decidere.

Niente di più falso.

Se fosse così ancora una volta saremmo tutti dei Warren Buffet e non esisterebbe il mercato. Non ti pare?

Facciamo un esempio.

Questo era l’andamento EUR/CHF, il 15 gennaio 2015.

Un movimento che è entrato dritto nella storia e ha segnato la rovina di molti brokers e traders.

Cosa ha fatto secondo te un sistema automatico in questa situazione?

Ha comprato o consigliato di farlo, perché il prezzo era sceso. 

E invece è successo qualcosa che nessun algoritmo poteva prevedere, in quanto è stata la decisione di una banca centrale a spostare così velocemente i mercati.

Come salvarsi quindi da questa incertezza?

Semplice. 

Con l’analisi fondamentale, ovvero la comprensione delle macro (e micro) dinamiche che spiegano l’andamento dei mercati.

L’analisi fondamentale, al posto di quella tecnica, avrebbe sicuramente aiutato il trader a contestualizzare meglio lo scenario.

Lo avrebbe aiutato a prendere decisioni meno scontate di quelle suggerite da un sistema automatico che non dispone  né delle informazioni, né dell’intelligenza deduttiva per usarle a proprio favore.

E questo non è l’unico motivo per cui il metodo che adotto da decenni tende a risparmiarmi dalle brutte sorprese.


Scopri gli altri nel Corso Gratuito


Scopri gli altri nel Corso Gratuito

È anche il motivo per cui non passo le mie giornate ad eseguire inutili analisi tecniche e altrettanto impegnative interpretazioni dei dati.

Ma questa è soltanto la superficie di un modus operandi che, se non posso affermare che mi ha dato sempre ragione,  mi ha permesso di togliermi molte soddisfazioni.

Il segreto è proprio questo. 

Tenersi lontano da grafici, indici e formule non solo fa risparmiare tempo riducendo al minimo gli interventi correttivi (il problema che i sistemi automatici promettono di risolvere), risparmia alla mente complessi concetti di matematica finanziaria, rendendo il trading democratico e più accessibile (l’altra promessa illusoria del trading automatizzato).

Permette anche di estraniarsi dalla componente emotiva che i sistemi automatici barattano con la delusione delle aspettative di chi vi si affida.

L’unica via di un trader è proprio quella di sfruttare la probabilità a proprio vantaggio, comprendendo le dinamiche che regolano i mercati.

Arriviamo così al cuore di un metodo che ho imparato direttamente in Deutsche Bank,  banca per cui ho lavorato come Head of Trading arrivando a gestire un portafoglio di quasi 50 Miliardi.

Dott. Antonio Carnevale – Ex Head of Trading di Deutsche Bank

Da 9.405,95€ a 348.597,99€ in 8 giorni grazie al metodo delle banche d’affari

Accedi al Corso Gratuito

Calcolo della probabilità: un elemento fondamentale nel trading

L’unico modo per avere successo nel trading è lavorare per costruirti una probabilità soggettiva, in modo che sia la migliore possibile.

Cos’è la probabilità soggettiva?

Al di là delle definizioni tecniche che ho riservato in questa lezione di approfondimento gratuita…


L’unico modo per avere successo nel trading è lavorare per costruirti una probabilità soggettiva, in modo che sia la migliore possibile.

Cos’è la probabilità soggettiva?

Al di là delle definizioni tecniche che ho riservato in questa lezione di approfondimento gratuita…

La probabilità soggettiva è l’intuizione che un certo evento avvenga nel futuro sulla base della tua analisi e della tua esperienza. E non è  delegabile ad un robot.

È solo tua e tiene conto sia dei tuoi aspetti psicologici che della tua storia economica.

Ecco perché non ci può essere un’idea di operatività uguale per tutti, e quindi non ci sarà mai un sistema o un consiglio di una persona che possa valere universalmente.

Sulla base della mia esperienza, questo è il motivo per cui è fondamentale interpretare le dinamiche dei mercati finanziari ed è, invece, rischioso affidarsi a sistemi automatici.

Le stesse banche d’affari implementano il concetto di probabilità soggettiva nei loro sistemi “sempre più automatizzati”.

Visti i risparmi in termini di costo della manodopera che si possono trarre, l’interesse verso questa tecnologia cresce di giorno in giorno. 

La loro introduzione però è molto cauta: le procedure di test possono richiedere mesi, se non anni, prima del rilascio operativo.

Inoltre Hedge Fund e Banche di Investimento optano per soluzioni “tailor made” che spesso sono molto sofisticate e, quindi, poco abbordabili, arrivando a costare svariate decine di migliaia di euro l’anno.

Basti pensare a sistemi basati su AI (Intelligenza Artificiale) capaci di riconoscere “pattern” su database di variabili e informazioni di mercato di cui, peraltro, i piccoli investitori nemmeno dispongono.

Non ricorrerebbero mai alle “soluzioni on line” che promettono guadagni al costo di qualche centinaio di euro all’anno, offrendoti 30 giorni di “free trial” gratuito.

È evidente che queste siano trovate di marketing con dietro poca sostanza.

Per questo motivo ritengo che la soluzione migliore per un trader indipendente sia ancora quella di “usare la propria testa” e seguire un metodo di facile utilizzo a basso dispendio di tempo.


I traders delle grandi banche d’affari usano questo approccio. 

Il Metodo SAMAS altro non è che l’insieme di queste strategie usate dalle grandi banche d’affari, riadattato alle esigenze degli investitori indipendenti, in base all’esperienza che ho maturato sia come Head of Trading in Deutsche Bank che come trader autonomo.

Metodo che, oltre ad insegnare, continuo ad usare nella mia attività indipendente quotidiana.

Hai mai sentito il modo di dire “ridurre al minimo il rischio e far correre i profitti”?

Rappresenta molto bene il Metodo SAMAS, i cui dettagli sono racchiusi in questa video lezione di approfondimento gratuita.


Accedi al Corso Gratuito

Dott. Antonio Carnevale – Ex Head of Trading di Deutsche Bank

Da 9.405,95€ a 348.597,99€ in 8 giorni grazie al metodo delle banche d’affari

Accedi al Corso Gratuito

Diventa finalmente un Trader di
successo!


Scopri il metodo delle banche d’affari

Diventa finalmente un Trader di
successo!




Scopri il metodo delle banche d’affari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *