Come risolvere il problema dell’emotività nel trading: il primo Pilastro del Metodo Samas

Tempo di lettura: 4 min

Qual è il fattore che più di tutti condiziona le nostre decisioni?

L’aspetto emotivo.

Gli uomini prendono spesso (quasi sempre) decisioni mossi dai propri stati d’animo, più che dalla ragione.

E questo nel trading rappresenta un grosso problema.

Farsi guidare dalle emozioni nelle proprie scelte di investimento, infatti, significa prendere la strada più veloce verso il fallimento.

Eppure è una propensione naturale…

Come riuscire, quindi, a controllare la tendenza a farsi condizionare dalle emozioni quando si fa trading?

Da questa domanda nasce il primo Pilastro del Metodo Samas, l’unico che divulga le esatte metodologie utilizzate dalle grandi banche d’affari.

I traders delle grandi banche d’affari, infatti, gestiscono quotidianamente portafogli da miliardi di euro.

Hanno dovuto, quindi, creare un metodo infallibile per risolvere il problema dell’emotività.

Di quale metodo si tratta?

Scopriamolo insieme in questo articolo.

Il problema dell’emotività nel trading

Le emozioni incidono sfavorevolmente sui tuoi risultati nel trading, sia quando sono positive che quando sono negative.

La paura di perdere soldi, ad esempio, oppure lo sconforto generato da una perdita subita, abbassano le tue performance, in quando ti fanno credere che non riuscirai mai a guadagnare, conducendoti a decisioni, magari, troppo conservative.

Le emozioni incidono sfavorevolmente sui tuoi risultati nel trading, sia quando sono positive che quando sono negative.

La paura di perdere soldi, ad esempio, oppure lo sconforto generato da una perdita subita, abbassano le tue performance, in quando ti fanno credere che non riuscirai mai a guadagnare, conducendoti a decisioni, magari, troppo conservative.

Allo stesso modo, anche un’emozione positiva, come l’avidità generata dal vedere un prezzo che sale, oppure l’euforia di aver fatto un profitto, può avere conseguenze negative sulle tue performance, portandoti a fare scelte azzardate, perché ti credi superiore al mercato.

Come si può, però, dimostrare che questi esiti negativi siano dettati proprio dal prevalere delle emozioni?

Risulta evidente paragonando l’operatività su un conto DEMO con quella in reale.

Prova a fare questo esperimento e noterai subito che uno stesso trader ottiene risultati di gran lunga migliori quando opera in DEMO.

Perché succede ciò?
Perché si tratta di un contesto ovattato, privo di emotività.

Pensa, ad esempio, ad un pilota aereo che deve affrontare una simulazione di un’avaria grave, che lo porterebbe ad eseguire un atterraggio d’emergenza.

Credi che nella situazione reale agirebbe con la stessa freddezza della simulazione?

Operare sotto pressione, in una circostanza dove è chiaro che la sua vita e quella di altre centinaia di passeggeri a bordo dipendono dalla sua reazione, influisce, ovviamente, sulle sue decisioni.

Allo stesso modo per un trader sapere che ci sono in ballo soldi veri, magari soldi che ha risparmiato negli anni con tanta fatica, anziché un “semplice numero” sulla piattaforma DEMO, non può che determinare un comportamento diverso.

Mentre, però, per un pilota che si trova in una situazione di emergenza l’unica speranza è la freddezza e l’autocontrollo, un trader può fare sicuramente qualcosa di più.

Può decidere di usare un metodo che gli permetta di controllare la sua emotività. Un metodo che non pretenda di gestirla, quello è impossibile, ma che la annulli alla radice.

Perché non puoi gestire l’emotività

La maggior parte dei formatori presenti sul mercato ti propone dei metodi per gestire la tua emotività nel trading, come, ad esempio, l’utilizzo dello stop loss.

Apri una posizione, definisci il livello massimo di perdita che vuoi subire impostando lo stop loss e non ti preoccupi più. Fantastico vero?

La realtà, però, è ben diversa.

Lo stop loss non risolve il tuo problema psicologico, semplicemente lo accantona per un momento.

Infatti, anche impostando il tuo stop hai sempre la possibilità di metterci mano, oppure rientrare a mercato dopo averlo subito, rendendolo, quindi, completamente vano. 

Di questo parliamo in modo più approfondito in un altro articolo del nostro blog: clicca qui per leggerlo

E come lo stop loss anche tutti gli altri metodi che ti vengono proposti risultano fallimentari.

Questo perché non siamo tutti uguali, quindi non può esistere un metodo universale che valga per tutti. 

Allora come puoi affrontare il problema emotivo nel trading?

L’unico modo è risolverlo alla radice, proprio come ti insegniamo nel Metodo Samas.

In questa maniera puoi operare lasciando a casa le tue emozioni.

Il sistema per azzerare l’emotività utilizzato dai traders delle grandi banche d’affari

Come ti sentiresti se dovessi gestire un portafoglio da miliardi di euro?
Questo è quello che fanno quotidianamente i traders delle grandi banche d’affari.

Probabilmente penserai:

sì, vabbè, ma tanto mica sono soldi loro…

Ed effettivamente è vero, ma ti assicuriamo che quando “hai tra le mani” tutti quei soldi, controllare l’emotività è davvero complicato.

Il nostro docente, Antonio Carnevale, che è stato Head of Trading di Deutsche Bank con in gestione un portafoglio da 50 miliardi, ne sa qualcosa.

Per questo quando ha elaborato il Metodo Samas ha deciso di inserire come primo pilastro il sistema che lui stesso utilizzava in banca (e ancora oggi utilizza come trader indipendente) per azzerare l’emotività.

Di cosa si tratta?

È molto semplice: il trucco è avere pochi soldi sul conto.
Infatti, se hai tanti soldi sul conto sarai sempre in ostaggio della tua emotività.

Puoi mettere tutti gli stop loss che vuoi, ma, si sa, hai la possibilità di mettere mano allo stop, oppure rientrare a mercato dopo averlo subito. 

Puoi avere tutte le regole del mondo, ma quando non sei lucido non le rispetti.

Puoi seguire le migliori strategie, ma se il broker fallisce azzeri il tuo capitale.

Puoi avere tutti i trading system, i metodi automatici che vuoi, ma il ragionamento non cambia: i tuoi soldi sono sempre sul quel conto e il tuo pensiero va sempre a finire lì, perché l’ultima cosa che vuoi è perdere i tuoi risparmi.
Questo ti porta a metterci mano e a fare azioni che non dovresti compiere.

Ecco perché è importante iniziare a ragionare con uno stop che è limitato all’equity.

Con lo stop sull’equity metti a rischio solo una parte del tuo capitale di trading, ovvero il 100% di un piccolo capitale settimanale.

Se il trade va bene guadagni, se, invece, va male non perdi tutto il tuo capitale, ma solo quello che hai messo a rischio per la settimana.

Investire piccole cifre nel tuo trading, quindi, è l’unico modo per avere i tuoi soldi al sicuro e azzerare completamente la tua emotività quando operi.

Abbiamo visto come cercare di gestire le tue emozioni nel trading non ti porti a nulla, in quanto gli uomini, per natura, si fanno guidare dall’emotività.

Cosa fare, quindi, per evitare di prendere decisioni irrazionali che potrebbero azzerare il tuo conto di trading?

Puoi scegliere di lasciare a casa le emozioni quando operi.

Come?
Utilizzando un metodo che azzera le tue emozioni nel trading.

È il sistema usato dai traders delle banche d’affari quando gestiscono portafogli da miliardi di euro (ecco perché sappiamo che è davvero efficace).

Questo rappresenta il primo Pilastro del Metodo Samas, l’unico che divulga le esatte metodologie utilizzate dalle grandi banche d’affari.

Scopri di più cliccando sul bottone qui sotto.

Autore: Alessandra Bongiovanni

Pellentesque in ipsum id orci porta dapibus. Vestibulum ante ipsum primis in faucibus.

Diventa finalmente un Trader di successo!

Condividi Questo Articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Leggi anche…

Diventa finalmente un Trader di successo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi sotto i tuoi dati e sarai ricontattato da un nostro tutor.