Come fare trading in modo professionale: i 3 pilastri del Metodo Samas

Tempo di lettura: 4 min

Fino a qualche tempo fa, il trading era un’attività per pochi eletti: era necessario avere molti capitali da investire, accedere alle giuste tecnologie e, soprattutto, essere dei veri esperti in materia.

Insomma, era riservato a chi decideva di fare questo di mestiere e, quindi, studiava per anni per diventare trader.

Oggi le cose sono molto cambiate: il mondo del trading è diventato accessibile a tutti.

Sia perché si può cominciare con piccole somme, sia perché chiunque ha a disposizione le stesse informazioni di una banca e le piattaforme di trading sono diventate sempre più semplici da utilizzare.

Questo significa che chiunque può diventare un trader?

Sì, per riuscirci è sufficiente creare un conto di trading presso un broker e iniziare ad aprire e chiudere posizioni.

Tuttavia, non tutti possono diventare dei buoni trader, ovvero realmente profittevoli nel lungo periodo.

Infatti, se vuoi avere davvero successo in questo campo, devi imparare a svolgere tale attività in modo professionale.

Dimenticati tutti quei formatori che ti promettono che con il trading diventerai ricco da un giorno all’altro e con poco sforzo.

Il trading è un’attività imprenditoriale e va trattata come tale: ci vuole studio, impegno e dedizione.

Vediamo in questo articolo i 3 pilastri da mettere in pratica per diventare un trader professionista.

Cosa significa fare trading in modo professionale

Non è un mistero che la maggior parte dei trader sono perdenti.

Come mai?

Il problema principale è la mancanza di preparazione.

Infatti i piccoli investitori si approcciano a questa attività credendo che il trading sia la strada più facile per fare soldi in breve tempo, qualcosa di banale, insomma.

Quindi non studiano, non pianificano, non creano un sistema imprenditoriale e si affidano ad intermediari e a segnali di trading. Basano la loro operatività su indicatori, grafici, moltissime operazioni e strategie assurde di gestione del rischio e delle emozioni.

La conseguenza? Diventano perdenti.

Ecco, essere un trader professionista significa fare esattamente l’opposto di tutto questo. Ed è così che si comportano i trader delle grandi banche d’affari.

Come facciamo a sapere come operano le grandi banche d’affari?

Grazie al nostro docente, Antonio Carnevale, che ha maturato un’esperienza di oltre 30 anni sui mercati finanziari, lavorando anche come Head of Trading per un’importante banca d’affari, gestendo un portafoglio da 50 miliardi di euro.

Sulla base della sua esperienza, ha elaborato il Metodo Samas e, in particolare, i 3 pilastri su cui si basa, che, se applicherai, ti permetteranno di fare trading come un professionista e ottenere gli stessi risultati delle grandi banche d’affari (ovviamente proporzionati al capitale da te investito).

I 3 pilastri del trading professionale

Vediamo insieme i 3 elementi che consentono alle grandi banche d’affari di realizzare profitti eccezionali, minimizzando il rischio.

1. Un sistema per azzerare l’emotività

La maggior parte dei corsi che trovi sul mercato cerca di insegnarti un modo per gestire la tua emotività.

La realtà è che non siamo tutti uguali, quindi non può esistere un metodo universale che valga per tutti.

Allora come puoi affrontare il problema psicologico nel trading?

Devi risolverlo alla radice, ovvero non devi provare emozioni quando fai trading.

Il trucco per riuscirci è avere pochi soldi sul conto.

Sappiamo che questo ti sembrerà strano, infatti, solitamente, si dice che tu debba mettere una cifra importante sul conto di trading con l’obiettivo di fare una piccola % di guadagno mensile.

Beh, questo è totalmente sbagliato!

Perché? Perché se hai tanti soldi sul conto sarai sempre in ostaggio della tua emotività.

Puoi mettere tutti gli stop loss che vuoi, ma, si sa, hai la possibilità di mettere mano allo stop, oppure rientrare a mercato dopo averlo subito.

Puoi avere tutte le regole del mondo, ma quando non sei lucido, non le rispetti.

Puoi seguire le migliori strategie, ma se il broker fallisce azzeri il tuo capitale.

Puoi avere tutti i trading system, i metodi automatici che vuoi, ma il ragionamento non cambia: i tuoi soldi sono sempre sul quel conto e il tuo pensiero va sempre a finire lì, perché l’ultima cosa che vuoi è perdere i tuoi risparmi. Questo ti porta a metterci mano e a fare azioni che non dovresti compiere.

Quindi l’unico modo per non perdere i tuoi soldi è non averli tutti sul conto operativo.

2. Un sistema per generare profitti incredibili

Fare trading significa guadagnare una percentuale sul capitale che investi.

E quello che tutti ti insegnano è di investire una bella somma da cui guadagnare una piccola percentuale.

Ad esempio: metti 20.000 euro sul conto di trading, guadagni ogni mese il 3%, il che significa un guadagno netto di 600 euro al mese.

Abbiamo, però, detto che devi avere pochi soldi sul conto per azzerare l’emotività.

Quindi, come puoi fare guadagni importanti con queste percentuali?

Il 3% di 300 euro, ad esempio, sono solo 9 euro.

Archimede diceva: “Datemi una leva e solleverò il mondo”.

Ed è proprio quello che devi fare nel trading. Devi usare la leva finanziaria per aumentare virtualmente il tuo conto (per approfondire l’argomento, leggi questo articolo).

L’obiettivo è massimizzare il rapporto rendimento/rischio.

Cosa significa?

Che anziché investire grandi somme e puntare a piccole percentuali di guadagno, devi utilizzare piccoli capitali e far schizzare le percentuali di rendita alle stelle.

3. Un sistema per gestire il proprio capitale

Per chiudere il cerchio e avere un metodo perfetto, manca una cosa: un corretto sistema di Money Management.

Avere un corretto sistema di Money Management significa innanzitutto porsi un obiettivo di guadagno che si desidera ottenere in un tempo ragionevole, che noi generalmente fissiamo a 5 anni.

Sulla base dell’obiettivo che vuoi raggiungere, definisci poi un budget totale da investire (sempre a 5 anni).

Dopo di che, devi parcellizzare il capitale totale annualmente, mensilmente e settimanalmente per sapere esattamente quale sarà il massimo rischio di ogni anno, ogni mese, e ogni settimana.

Questa strategia di gestione del denaro, che insegniamo nella Trading Masterclass di Samas, deve essere accompagnata da un metodo di operatività basato sull’utilizzo della weekly position: analizzi il mercato e decidi la tua posizione (in entrata e uscita) settimanalmente.

Ciò significa che farai una sola operazione a settimana, entrando il lunedì e uscendo il venerdì, sia se sei in guadagno che in perdita.

Ricordati che nulla deve essere lasciato al caso o improvvisato; fa tutto parte di un metodo estremamente preciso, ma molto semplice da applicare.

In conclusione, l’unico modo per fare trading in modo profittevole è imparare a svolgere questa attività come un vero professionista.

Il percorso per diventarlo non è di certo semplice e il nostro docente, Antonio Carnevale, ne è un esempio.

Antonio, top trader italiano, ha dovuto lavorare duramente per anni, fino a farsi assumere in una banca d’affari, diventarne Tesoriere ed Head of Trading e testare centinaia di strategie su portafogli da miliardi di euro.

Ma per te è diverso, tu hai un vantaggio: puoi imparare il metodo che lui ha realizzato per i trader indipendenti  dopo oltre 30 anni di esperienza sui mercati finanziari, testato da più di 18 anni e da migliaia di studenti.

Questo ti permetterà di accelerare, e di molto, il tuo percorso verso il successo.

Scopri di più sul corso formativo di Samas cliccando sul bottone qui sotto.

Diventa finalmente un Trader di successo!

Condividi Questo Articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Ultimi articoli

Diventa finalmente un Trader di successo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi sotto i tuoi dati e sarai ricontattato da un nostro tutor.